Domenica pomeriggio 12 marzo 2017 è  venuto improvvisamente a mancare il dottor Giorgio Mariot,  per un malore, all’età di 63 anni. Originario di Dolo, Giorgio Mariot viveva da anni a Valdagno, dal 2005 fino al 28 febbraio scorso è stato direttore del centro di terapia antalgica dell’Ulss 5 a Valdagno. Dal primo marzo era andato in pensione. 
Da tanti anni era socio dell'Associazione Italiana per lo studio del dolore e presidente del Rotary Club Valle dell’Agno. Proprio per il prossimo 25 marzo aveva organizzato un evento "I
l Rotary contro il dolore - Legge 38/2010: vivere senza dolore si può?"
Appassionato di arti marziali, in campo lavorativo è stato autore di decine di articoli scientifici pubblicati su prestigiose riviste internazionali sul dolore cronico di tipo degenerativo. 

Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana per lo Studio del Dolore si unisce al dolore della famiglia per la prematura scomparsa dell'amico e collega Giorgio Mariot.

Evento formativo ECM, Roma 20 maggio 2017
CUMS, Caserma S. D'Acquisto -  Sala Maritano - Viale Di Tor Di Quinto, 151

Il dolore neuropatico (definizione IASP: dolore derivante da una lesione o malattia del sistema nervoso periferico o centrale) rappresenta uno di paradigmi di dolore cronico non oncologico dove il dolore ha perso i connotati protettivi del sintomo per assumere quelli di una situazione fisiopatogeneticamente maladattativa e difficilmente reversibile (malattia); al contempo, è uno dei quadri clinici di maggiore difficoltà per la strutturazione di una terapia efficace e, soprattutto, sostenibile.

In termini clinici ne deriva una quota variabile tra il 35 ed il 50% di pazienti con qualità della vita scaduta per disabilità derivata dall’impossibilità di ottenere un adeguato sollievo dal dolore.

Al riguardo numerosi contributi della letteratura internazionale, oltre che documentare un impatto bio-psico-sociale di dimensioni superiori a quello di patologie cardiovascolari e metaboliche, pone enfasi sulla necessità di modificare l’approccio terapeutico orientandolo secondo un criterio di tipo semeiotico (fenotipo del dolore: segni e sintomi specifici di quello specifico quadro di dolore neuropatico nello specifico momento) che è l’epifenomeno di sottostanti meccanismi patogenetici piuttosto che, come prevalentemente attuato, al criterio eziologico. Ciò consentirebbe una maggiore appropriatezza prescrittiva e una maggiore efficacia che è da intendersi secondo un’ottica di recupero della quotidianità piuttosto che di analgesia totale.

Un protocollo terapeutico, soprattutto in caso di cronicità, deve essere efficace ma, parimenti, sostenibile sia in termini biologici (rapporto efficacia/sicurezza) sia in termini di sostenibilità (minima interferenza possibile con i ritmi professionali, relazionali e sociali). Tutti gli aspetti sopracitati sono parimenti importanti ma, tra di loro, a seconda delle caratteristiche del paziente e del suo contesto, uno o più di essi possono diventare predominanti rispetto gli altri.

Ne deriva il concetto di terapia personalizzata “dinamica” in cui, identificati gli obbiettivi “realistici” che il paziente vuole raggiungere, il medico del dolore deve, sulla base delle sue competenze e delle metodologie disponibili, oltre che definire il miglior protocollo possibile e sostenibile anche, con cadenza programmata, rivalutare l’andamento clinico e, ove necessario, procedere alle modifiche e/o integrazioni eventualmente necessarie.

Prof. Maurizio Evangelista

Scarica il programma

Scheda di iscrizione

Per informazioni: info@zeroseicongressi.it

Il corso è a numero chiuso

Nella sessione dedicata alle comunicazioni libere, prevista dal programma scientifico del 40° Congresso Nazionale dell'Associazione Italiana per lo Studio del Dolore, sarà possibile presentare e discutere con i colleghi il proprio abstract. 

Occorre però inviarlo in tempo, entro il 31 marzo 2017.
Per inviare l'abstract cliccare qui. Sarete indirizzati direttamente alla piattaforma di Planning Congressi, l'agenzia organizzatrice del Congresso.

Prima di inviarlo consigliamo di leggere le linee guida 

Per consultare tematiche e programma scientifico si può consultare direttamente la pagina del sito dedicata al Congresso.

Importante avvertenza: la presentazione dell'abstract è vincolata all'iscrizione al Congresso di almeno uno degli autori.

Gli abstract accettati saranno pubblicati nel supplemento del periodico "Dolore aggiornamenti clinici", organo ufficiale dell'Associazione Italiana per lo Studio del Dolore, ISBN ISSN 1974-448x. Il supplemento sarà interamente dedicato al Congresso 2017.