Convegno a Firenze il 5 maggio 2018, presso la Sala Martino V dell'Ospedale Santa Maria Nuova, con il patrocinio AISD e Fondazione Paolo Procacci

Il dolore nelle patologie muscoloscheletriche e nelle sindromi neuropatiche periferiche colpisce più del 15% della popolazione adulta ma, oltre i 60 anni, supera il 25-30%. Il controllo del dolore in queste condizioni cliniche si deve e si può meglio ottenere con un approccio multidisciplinare (come anche specificato dalla legge 38/2010, articolo 2, comma b). A questo proposito, come peraltro consigliato nelle nuove linee guida sul dolore lombare, pubblicate da American College of Physicians nel 2017, le terapie di prima linea dovrebbero comprendere terapie non farmacologiche.

Inoltre va ricordato che Il medico deve trattare un disturbo doloroso in pazienti spesso complessi, che hanno comorbidità, a volte anche disabilità e sono fragili. Oggi il 38-40% della popolazione ha almeno una patologia, il 20% ne ha 2 e il 14% è multicronico. Prima di somministrare un analgesico a un paziente con comorbidità, disabilità o fragilità, dobbiamo innanzitutto tipizzare il dolore, ovvero capire se sia infiammatorio, meccanico-strutturale o neuropatico, e valutare attentamente la persona che deve ricevere la terapia.

Per questo motivo alla luce di queste recenti raccomandazioni l’approccio nutraceutico con caratteristiche e finalità preventive, riequilibrative, terapeutiche e protettive è stato valorizzato e sviluppato in quanto può essere impiegato in tutti i pazienti, specialmente in quelli fragili, visto l’ottimo profilo rischio-beneficio, se utilizzato alle dosi corrette. Inoltre, ha un suo ruolo non soltanto nella gestione del dolore lieve, ma anche nel dolore moderato-severo, se inserito in un’ottica multimodale, come “risparmiatore “di farmaci analgesici e/o antinfiammatori.

Questo incontro nasce dalla necessità di sviluppare e rendere chiari i sistemi di azione, le indicazioni, le possibili interazioni con altre terapie e le possibili reazioni avverse che sono alla base di un utilizzo della nutraceutica e della fitoterapia come consapevole aiuto alla farmaceutica tradizionale nell’ambito del trattamento del dolore muscolo-scheletrico e del dolore in corso di neuropatie periferiche. Il confronto e la rassegna della letteratura scientifica riguardante studi che dimostrano l’efficacia e la tollerabilità della nutraceutica nella cura del dolore costituirà pertanto un bagaglio culturale che potrà arricchire i partecipanti di argomenti pratici per l’attività clinica quotidiana.

Direttore scientifico: Paolo Scarsella
Direttore del Centro Multidisciplinare Terapia del Dolore Presidio Ospedaliero “P. Palagi”, Firenze

Provider ECM: Letscom E3 S.r.l. - ID 5452 - Tel. 06.91502790 - Fax 0662209027 www.letscome3.it - infoecm@letscome3.it

Programma