L'11 marzo 2017, presso l'Ospedale San Carlo di Nancy, Roma, il secondo appuntamento con l'AISD Focus Day.

Sessione I
Il dolore malattia: dal meccanismo i target per una terapia appropriata

Sessione II
Elementi base per la strutturazione di un protocollo terapeutico centrato sul paziente: molecole e tecniche, quando, quali e dove servono... e dove no

Presentazione del corso

Il dolore cronico, in tutte le sue declinazioni cliniche di dolore non oncologico, rappresenta il paradigma di un quadro clinico evolutivo inizialmente nato con la finalità protettiva (dolore sintomo), ma progressivamente articola- tosi in vari passaggi (dolore infiammatorio, dolore maladattativo potenzialmente persistente) fino a giungere a prendere le caratteristiche di una malattia nel suo senso più completo (dolore maladattativo persistente).

Nel concetto di dolore malattia vanno ricomprese tutte quelle entità cliniche dolorose che, secondo una condivisa visione scientifica, riconoscono nei passaggi della sensibilizzazione periferica, centrale e del coinvolgimento, parimenti importante, di popolazioni non neuronali i principali meccanismi patogenetici da utilizzare come bersaglio terapeutico secondo un'ottica non più, e non solo, temporale, topografica, eziologica. Secondo questo attuale modo di interpretare il dolore cronico, si rende necessario un differente approccio clinico e scientifico in cui venga valorizzato l'aspetto semeiotico (segni e sintomi) di ogni individuale sindrome dolorosa cronica (fenotipo) capace, interpretando il quadro clinico, di identificare i meccanismi che, in maniera sincrona e spesso sovrapposta, sono alla base della fenomenologia dolorosa e capace, infine, di consentire una terapia realmente mirata, personalizzata ed appropriata; in altri termini, una terapia che consenta, piuttosto che una spesso impossibile "analgesia zero", il recupero della disabilità bio-psico-sociale derivante dal dolore cronico.

Sempre nell'ambito del dolore cronico, si inserisce quello cosiddetto "oncologico" ove, però, cambia l'obbiettivo primario che diventa quello del raggiungimento della migliore dignità possibile per la persona affetta; non cambia, invece, la metodologia di strutturazione di un protocollo antalgico secondo il drive principale del meccanismo sottostante il quadro doloroso.

Il Convegno AISD specificamente dedicato al dolore cronico vuole costituire momento di divulgazione e condivisione dell'attuale visione scientifica inerente l'argomento nonché momento di incontro, e confronto, tra le differenti tipologie di specialisti che si trovano a gestire i pazienti con dolore cronico. Il Convegno, sulla base di quanto sin qui esposto, si propone, infine, di esaminare in maniera rigorosa e metodologicamente omogenea, le tipologie di molecole più comunemente impiegate analizzando, per ognuna di esse, i pro e i contro in un'ottica di appropriatezza terapeutica.

Programma scientifico
Scarica la scheda di iscrizione da inviare alla segreteria organizzativa Zeroseicongressi

www.zeroseicongressi.it  telefono 06 8416681

7 crediti ECM

Figure professionali accreditate:
Medico chirurgo (con discipline di riferimento ortopedia e traumatologia; geriatria; medicina generale; ginecologia; neurologia; anestesia e rianimazione)  e Infermiere