Attenzione: state navigando nella vecchia versione del sito. Il nuovo sito è accessibile a questo link

Benvenuto nel sito ufficiale AISD

L'Associazione Italiana per lo Studio del Dolore da più di 30 anni si occupa della malattia dolore, promuovendo la ricerca sui meccanismi fisiopatologici del dolore e sulle sindromi dolorose.
Per accelerare il processo di ricerca e migliorare la cura dei malati sono fondamentali la cooperazione interdisciplinare e l'aggiornamento di coloro che operano nella ricerca e nella cura.
Scopri all'interno del sito quali sono i vantaggi nel diventare socio AISD e qual è la missione in cui crediamo.

Associati all'AISD
Sostieni l'AISD con il 5xmille

Rss feeds Dimensione carattere Stampa

Benvenuto

Nome di login o email


Password






Utilizza questo link per recuperare la password di accesso

Bacheca

Pagina delle Comunicazioni

AISD Un viaggio di 30 anni

Storia dell’Associazione Italiana per lo Studio del Dolore



Dolore: Aggiornamenti Clinici


Se desideri ricevere in visione il pdf di un numero del periodico puoi inviare la tua richiesta scrivendo a segreteria@aisd.it

Dettagli >>


Iscriviti alla newsletter per ricevere informazioni e segnalazioni di eventi



International Association for the study of Pain


European Journal of Pain

Feed RSS

Le news possono essere distribuite con sistema RSS.
rss1.0
rss2.0
rdf

PROSEGUI LA NAVIGAZIONE NEL NUOVO SITO AISD WWW.AISD.IT


In questo sito è disponibile solo l'archivio notizie ed eventi. Non viene più aggiornato.
Per essere informato sulle attività dell'Associazione Italiana per lo Studio del Dolore clicca qui e sarai reindirizzato al sito attualmente operativo



Stampa veloce

IL NUOVO SITO AISD E' ONLINE


DAL 1° OTTOBRE 2016 QUESTO SITO "TRASLOCA". TROVERETE GLI AGGIORNAMENTI NEL NUOVO SITO WWW.AISD.IT

QUESTO SITO RESTERA' VISIBILE MA COME SEMPLICE ARCHIVIO DI NOTIZIE ED EVENTI PASSATI.

I SOCI POTRANNO ACCEDERE ALLE AREE RISERVATE (ARCHIVIO RELAZIONI CONGRESSI PASSATI) LOGGANDOSI DAL NUOVO SITO WWW.AISD.IT




Stampa veloce

PAIN Reports: la pubblicazione online della IASP


PAIN Reports® is an official IASP publication. An open access multidisciplinary journal, PAIN Reports promotes a global, rapid, and readily accessible forum that advances clinical, applied, and basic research on pain. The online journal publishes full-length articles as well as brief reports, reviews, meta-analyses, meeting proceedings, and selected case reports. PAIN Reports gives special attention to submissions reporting the results of enterprising and high-risk research and pilot studies as well as locally developed clinical guidelines from scientists and clinicians in developing countries.

For more information click here



Stampa veloce

Iscriviti al Convegno "Pain management: the science behind" - Budapest 13-15 ottobre 2016




Si terrà a Budapest e avrà come temi molti degli aspetti scientifici che sottendono alla Medicina del Dolore. La Faculty è di enorme interesse, e comprende alcuni degli scienziati che hanno costituito le colonne portanti della scienza di base che ha consentito lo sviluppo organico e armonico delle basi neurofisiologiche e terapeutiche indispensabili per capire e curare al meglio il dolore. A essi, inoltre, si aggiungono alcuni illustri clinici e Key Opinion Leaders che determinano le scelte più avanzate e scientificamente confermate a servizio dei malati con dolore acuto e cronico.
Per maggiori informazioni, per il programma scientifico e per iscriversi online clicca qui




Stampa veloce

Congresso AISD 2017





TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SUL PROGRAMMA SCIENTIFICO E SULLE MODALITA' DI PARTECIPAZIONE NEL NUOVO SITO DELL'ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL DOLORE

CLICCA QUI PER ACCEDERE


SEDE CONGRESSO: NH VILLA CARPEGNA, VIA PIO IV, 6

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA

Planning Congressi srl - Via Guelfa, 9 - 40138 Bologna - Tel. 051 300100 - www.planning.it

Project Leader: Giorgia Spiga g.spiga@planning.it



Stampa veloce

Curare in modo appropriato il dolore nei pazienti cardiopatici


Adesione dell'Associazione Italiana per lo Studio del Dolore al Progetto CardioPain

Anche l'Associazione Italiana per lo Studio del Dolore (AISD) ha deciso di aderire al progetto CardioPain, che ha come obiettivo principale la riduzione dell'uso improprio dei FANS, farmaci antinfiammatori non steroidei nei pazienti cardiopatici con dolore; il loro utilizzo prolungato può infatti produrre effetti collaterali a livello cardiovascolare, pericolosi per chi già soffre di patologie cardiache. Il progetto CardioPain prevede indicazioni esplicite circa l'uso dei farmaci nella scheda di dimissione ospedaliera dei pazienti cardiopatici.
«Mentre nel dolore acuto infiammatorio i FANS sono da considerarsi come farmaci di prima scelta, nel dolore cronico (che in Europa attualmente colpisce circa 100 milioni di cittadini, con una prevalenza del 50% nella popolazione anziana) sono invece gli oppioidi i farmaci di prima scelta» - spiega il prof. Enrico Polati, presidente AISD e Direttore Dipartimento Emergenza, Terapie Intensive e Terapia del Dolore, Università di Verona -. «La questione dell'appropriatezza terapeutica è un tema molto importante e delicato, che è a mio parere l'unico percorso concreto perché gli algologi italiani siano propositivi e non subiscano passivamente decisioni basate solo su questioni meramente economiche o di altro genere, che vanno a scapito dei pazienti che soffrono.» Promuovere la costruzione di percorsi diagnostico-terapeutici multidisciplinari è un impegno specifico dell'AISD, che incoraggia da tempo iniziative scientifiche e culturali che riportino al centro dell'interesse i pazienti, le loro esigenze e la loro complessità. «Il coinvolgimento di tutte le società scientifiche algologiche italiane è fondamentale, così come lo è il ruolo del Medico di famiglia. Sicuramente un modo efficace per sensibilizzare gli operatori sanitari è anche quello di divulgare la cultura della valutazione e del trattamento del dolore e della sofferenza, come obiettivo etico e assistenziale fondamentale per assicurare la qualità delle cure erogate ai pazienti» - ha aggiunto il prof. Polati.


Rassegna stampa




Stampa veloce

Il prof. Alessandro Fabrizio Sabato ci ha lasciati


Con profonda tristezza diamo l'annuncio della scomparsa del prof. Alessandro Fabrizio Sabato, che ci ha lasciati oggi, 28 giugno 2016, dopo aver combattuto per anni contro la malattia.
Presidente dell'Associazione Italiana per lo Studio del Dolore dal 2011 al 2014 è stato un punto di riferimento fondamentale per la medicina del dolore italiana, grande medico e scienziato, geniale e arguto.

Il Consiglio Direttivo AISD si stringe in un affettuosissimo abbraccio alla famiglia.

I funerali avranno luogo il 30 giugno alle ore 11, presso la parrocchia Bambin Gesù, via dei Campi Flegrei 40, Roma.
La camera ardente è allestita dalle ore 15 del 29 giugno presso il Policlinico Tor Vergata.


Stampa veloce

Il Consiglio Direttivo AISD 2016-2018


Il Consiglio Direttivo in carica per il biennio 2016-2018 è così costituito:
Presidente Enrico Polati (Verona)
Presidente eletto Stefano Coaccioli (Perugia-Terni)
Past President Caterina Aurilio (Napoli)
Vicepresidente Maria Caterina Pace (Napoli)
Segretario Vittorio Schweiger (Verona)
Tesoriere Giustino Varrassi (L'Aquila)
Consiglieri
Maurizio Evangelista (Roma)
Diego M.M. Fornasari (Milano)
Franco Marinangeli (L'Aquila)
Filomena Puntillo (Bari)
Andrea Truini (Roma)




Stampa veloce

I migliori abstract presentati al #39CongressoAISD


Hanno vinto il premio come migliori abstract:
✱ INFLUENZA DELLA PUBBLICITÀ TELEVISIVA DEI FARMACI ANALGESICI SULLA CORRETTA E RESPONSABILE AUTOMEDICAZIONE
A. MUGNOLO(1), F. LA MURA(2), D. BATTELLI(3), C. FINAMORA(4), V. MONTICELLI(5), F. LACERENZA(6)
1 Facoltà di Medicina e Chirurgia, Napoli
2 Direttore Hospice Don Uva, Bisceglie
3 UOC Anestesia, Terapia Intensiva e Medicina del Dolore, Ospedale di Stato, San Marino
4 Tirocinante in Psicologia Clinica, Asl Lecce
5 Psicologia Clinica, Andria
6 Scuola di Psicoterapia Sistemico-Relazionale Metafora, Bari

✱ THE EXPERIENCE OF THE ACUTE PAIN SERVICE IN THE UNIVERSITARY HOSPITAL OF VERONA
C. SERRAIOCCO, A. MARTINI, D. CASTAGNINI, E. BRUNELLO, S. BONAZZA, E. POLATI
Azienda Ospedaliera Integrata Verona

✱ VENLAFAXINE AND OXYCODONE HAVE DIFFERENT EFFECTS ON SPINAL
AND SUPRA- SPINAL ACTIVITY IN MAN
M. VALERIANI(1), D. LELIC(2), I W D. FISHER(2), A. DAHAN(2), A M. DREWES(2)
1 Neurologia, Ospedale Bambino Gesù, Roma, Italy
2 Gastroenterology & Hepatology, Aalborg University Hospital, Denmark, Aalborg, Denmark

✱ ULTRASOUND TAP BLOCK FOR INTRAOPERATIVE AND POSTOPERATIVE PAIN CONTROL
IN PEDIATRIC INGUINAL HERNIA REPAIR
D. GALANTE(1), D. PEDROTTI(2), M. CAGGIANO(3)
1 University Department of Anesthesia and Intensive Care, University Hospital Ospedali Riuniti, Foggia
2 Department of Anesthesia and Intensive Care, S. Chiara Hospital, Trento

✱ DOLORE E ALESSITIMIA NELLA SINDROME FIBROMIALGICA
M. DI TELLA(1), A. GHIGGIA(1), A. ROMEO(1), V. TESIO(1), E. FUSARO(2,3), R. TORTA(2), L. CASTELLI(1)
1 Dipartimento di Psicologia, Università di Torino
2 A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino
3 Dipartimento di Neuroscienze, Università di Torino


Per leggere questi abstract clicca qui
Per l'abstract book completo clicca qui

Stampa veloce

Nuovo numero di Dolore aggiornamenti clinici


Siamo online con il nuovo numero:

La campana del “Sabato”

Il 39° Congresso AISD, Associazione Italiana per lo Studio del Dolore

La gestione del dolore postoperatorio nelle realtà ospedaliere europee

I risultati del questionario “Valuta e cura il tuo dolore”

SIP 2016: Societal on Impact of Pain


clicca qui per il download



Stampa veloce

#CongressoAISD2016: le sfide della terapia del dolore


Le sfide che la terapia del dolore ha davanti a sé nel nostro Paese sono difficili e intriganti e l’AISD può diventare un punto di congiunzione in una realtà purtroppo frammentata. In particolare, grande impulso dovrà essere dato alla difficile questione dell’appropriatezza terapeutica, che è a mio parere l’unico percorso concreto perché gli algologi italiani siano propositivi e non subiscano passivamente decisioni basate solo su questioni meramente economiche o di altro genere, che vanno a scapito dei pazienti che soffrono. Quale presidente entrante mi impegnerò perché AISD incoraggi iniziative scientifiche e culturali che riportino al centro dell’interesse i pazienti, le loro esigenze e la loro complessità, promuovendo la costruzione di percorsi diagnostico-terapeutici multidisciplinari che vedano coinvolte tutte le società scientifiche algologiche italiane. Fondamentale è anche il ruolo del Medico di famiglia nell’avviare i paziente ai centri di secondo e terzo livello, ove questo sia ritenuto necessario in relazione alla complessità dei quadri dolorosi.
Le aree di ricerca su cui puntare nel futuro?
Il dolore neuropatico rappresenta sicuramente un ambito su cui la ricerca deve fare passi avanti sostanziali. Le attuali terapie sono ancora di limitata efficacia, i farmaci riescono a trattare solo una parte dei pazienti, le tecnologie avanzate devono essere messe alla prova su popolazioni di pazienti più numerose. Un aspetto particolarmente intrigante inoltre è quello che riguarda lo studio dei fattori predittivi lo sviluppo di questo tipo di dolore e la personalizzazione delle terapie basate non solo sulla patologia dolorosa, ma sulle specifiche alterazioni della fisiopatologia del dolore in quello specifico paziente.

Prof. Enrico Polati
Presidente AISD 2016-2018




Stampa veloce

#CongressoAISD2016: Formazione e cultura per un'efficace cura del dolore cronico


La formazione è un nodo cruciale, anche a livello specialistico. «Durante la mia presidenza – ricorda la prof. Caterina Aurilio (Direttore U.O.C. di Anestesia e Rianimazione, Terapia del Dolore, Tossicologia d'Urgenza ed Anestesia, Seconda Università degli Studi di Napoli) - ho reso più visibile la terapia del dolore aggiungendola alla denominazione della Scuola di specializzazione che è diventata oggi Scuola di specializzazione in anestesia, rianimazione e terapia del dolore, anche se il sogno nel cassetto è di avere una specializzazione in medicina del dolore, così da formare dei professionisti dedicati.»«Aspetti antropologici e culturali intervengono comunque nella valutazione del dolore e il clinico non può non tenerne conto nell'approccio diagnostico, così come nella pianificazione di una strategia terapeutica – spiega il prof. Stefano Coaccioli, presidente eletto AISD per il biennio 2018-2020 (Clinica Medica-Reumatologia e Terapia Medica del Dolore, Università di Perugia - AOU di Terni).
Leggi tutto



Stampa veloce

#CongressoAISD2016: Riflessioni su percorsi e idee nella Medicina del Dolore


Sono numerose in letteratura le riflessioni per un'aggiornata visione della Medicina del Dolore. Ne presento qui alcune, anche di strettamente personali. La prima riguarda l'inserimento del dolore cronico nell'ambito delle malattie non-comunicabili (NCDs). La definizione di NCDs si riferisce a patologie non trasmissibili (non-comunicabili sensu strictu – vedi malattie cardio-vascolari, diabete, insufficienza renale),
ma certamente non sfugge a un'approfondita considerazione il fatto che il dolore cronico – considerato finamente una malattia with own rights – rappresenti una condizione morbosa che, anche alla luce di una conquistata collocazione nosografica, rappresenti un fattore di rischio per molteplici secondarierà – e non solo per un evidente riflesso sulla qualità della vita – con conseguenze quoad valetudinem e addirittura quoad vitam. Il termine "non-comunicabile" si deve riferire al fatto che, ancora oggi, il dolore cronico resta confinato in un limbo di incertezze operative e di scarsa valutazione nella pratica clinica quotidiana (Coaccioli S. et al. 2016, submitted), a fronte addirittura di chiare disposizioni di legge (vedi la Legge 2001 su "Ospedale-Territorio senza Dolore" e la Legge 38/2010).
Leggi tutto
Stefano Coaccioli



Stampa veloce
Vai a pagina  [1] 2 3 ... 13 14 15

Archivio notizie